Il nostro modello di sito istituzionale

Una scelta comunicativa comune e condivisa

a cura di Franca Vitelli (Istituto comprensivo di Olgiate Comasco CO)
Architettura dell’informazione comune e condivisa, navigazione per soggetti, conformità ai requisiti di accessibilità: questi sono alcuni degli aspetti comuni dei nostri modelli di sito
Ogni scuola di fatto fa parte di una comunità molto più grande che è quella delle “scuole”. Il cittadino che entra in relazione con il singolo istituto attraverso il suo portale spesso si trova a cercare informazioni simili in siti strutturati in modo molto diverso, con la sensazione di un reale disorientamento nell’uso.
Da qui due punti fermi in relazione alla nostra scelta comunicativa:
  1. Comune: un’architettura simile di organizzazione e di navigazione per tutti i siti creati con i quattro CMS.
  2. Condivisa: frutto del lavoro cooperativo di riflessione, progettazione, sperimentazione e valutazione di tanti "webmaster" che lavorano e “vivono” nella scuola e che mutuano la loro diversa esperienza per una comunicazione più efficace (in termini di comprensione, semplicità, buona scrittura) ed efficiente (reperibilità delle informazioni), il più possibile a norma di legge (cfr. Linee guida per i siti delle PA 2011)
Conseguenze: pulizia e essenzialità dell’impostazione visiva e grafica non ridondante e accessibile

La struttura della navigazione

Ogni CMS ha delle potenzialità diverse. Ogni webmaster ha cercato di mantenere conformità al progetto comune; tuttavia vedrete che ci sono delle piccole differenze nei percorsi di navigazione, in particolare nella visualizzazione/localizzazione dei menu di sezione.

I menu orizzontali

Menu superiore: menu di servizio al sito (mappa, accessibilità, contatti, area riservata,…)
Menu per soggetti: menu per utenza (studenti, genitori, docenti, personale ata). In Joomla, Drupal e Plone il menu di sezione del menu utenti (sottomenu) si visualizza orizzontalmente immediatamente sotto il menu top
Menu footer: informazioni relative al sito (Note legali, privacy…) e alla sua validazione
In ogni modello (sotto il menu top) la presenza del menu a briciole di pane o la sezione per sapere sempre dove ci si trova.

I menu verticali

modello_1.pngMenu a sinistra: le sezioni del sito con il tradizionale menu principale di navigazione ad albero
Menu a destra: In home per tutti i CMS: ampliamento al sito (calendario interattivo, immagini, sezioni dedicate come e-governance o trasparenza, valutazione merito…) (nei modelli su scuola cooperativa.net sono stati messi i tutorial dei singoli CMS)
Nelle pagine e negli articoli interni:
  • quando esiste: menu di servizio all’utenza della pagina (es. menu link utili)
  • in WordPress: menu secondario contestuale

Home

La homepage nella parte centrale è divisa in blocchi simili, posizionati in modo diverso a seconda delle possibilità offerte dal CMS.
In tutti i modelli questi blocchi contengono degli “articoli” che automaticamente si visualizzano in home.

Accessibilità del tema grafico e dei contenuti

modello_2.pngUn ulteriore requisito dei nostri modelli è la conformità ai requisiti di accessibilità indicati dalla normativa italiani.
I modelli rilasciati sono stati costruiti nel rispetto dei requisiti di accessibilità indicati dalla legge Stanca e dalle linee guida internazionali per l’accessibilità dei contenuti web (WCAG 2.0), di cui si attende la definitiva implementazione nella normativa italiana.
I temi producono codice strict valido corredato degli elementi di accessibilità legati alla necessità delle persone disabili con particolare attenzione alla strutturazione delle pagine per livelli di titoli e all’implementazione di elementi HTML e di stile correlati ai diversi contenuti (link, testi, tabelle, moduli, liste,…).
La cura quotidiana dell’accessibilità è perciò demandata al redattore dei contenuti, a cui si deve l’uso consapevole e responsabile dell’editor web. (vedi anche http://www.regione.emilia-romagna.it/sin_info/lineeguida/).
A questo proposito si richiama ogni redattore la necessità di non pubblicare pdf costituiti da sole immagini, in quanto non accessibili alle persone con disabilità visiva.

Altri elementi comuni

Tutti i temi rilasciati da “Un CMS per le scuole” rilasciano feed RSS (link esterno) in modo da favorire e facilitare la diffusione dei contenuti e possono essere liberamente utilizzati e personalizzati (licenza Creative Commons Attribution, Non commercial, Share alike).
Inoltre, pongono attenzione ai principi della comunicazione efficace, attraverso sia l’incoraggiamento all’adozione di un linguaggio comprensibile al maggiore numero di persone possibile sia alla diffusione delle circolari corredati di opportuni microcontenuti (riassunti, titolo, tag) che ne favoriscano la fruizione e la ricerca.

Accessibilità e chiarezza della comunicazione

a cura di Alessandro Muratori (USR Lombardia – AT di Mantova)
Semplificare senza banalizzare, comporre testi leggibili e chiari, pensando al cittadino comune che ci legge: questa è comunicazione pubblica. Parlare, scrivere, comunicare per essere capiti. Se possibile, da tutti.

Uscire dal torpore

“…sembra assumere un compito custodiale…”
Quante volte ci è capitato d’imbatterci in espressioni palesemente inutili, complicate o ridondanti? Col “compito custodiale” qualcuno ha pensato forse d’efficientare la comunicazione? Ma entro e non oltre il 2002 la Pubblica Amministrazione non doveva adottare un linguaggio meno lontano da quello di tutti i giorni? Era ciò che in verità si proponeva il Ministro per la funzione pubblica Franco Frattini, con l’emanazione della direttiva sulle “Attività di comunicazione delle pubbliche amministrazioni” del 7 febbraio 2002. Povero Ministro! Con una semplice dichiarazione d’intenti inviata a tutti gli enti e uffici pubblici s’illudeva d’inaugurare una nuova stagione nel modo di comunicare fra l’amministrazione e il cittadino. Quella direttiva in realtà è finita nell’oblio della massa indistinta delle circolari, dei decreti, dei regolamenti attuativi ecc. ecc.
Nei dieci anni che ne sono seguiti il linguaggio si è fatto via via più contorto, ha inventato termini inutili, ha calpestato le buone vecchie regole, rifugiandosi molto spesso in un “dire e non dire” che non fa mai male a nessuno.

Rinnoviamoci

Il tempo del torpore comunicativo sembra ormai superato. Oggi si vive irradiando comunicazioni, e alla svelta, in tempo reale. Al principio del 2012 si contano in 21 milioni gli Italiani che sono iscritti a Facebook, su Internet le notizie volano e alla televisione più canali svolgono attività d’informazione a ciclo continuo, 24 h su 24.
Informare prima, informare meglio. Due obiettivi importanti, di cui il webmaster del sito della scuola porta una buona carica di responsabilità. In special modo sull’«informare meglio» potrà far valere le proprie autonome capacità.

Comporre testi efficaci

È chiaro che le ricette magiche non siamo ancora in grado di dispensarle, ma un mix di regolette e trucchi del mestiere, probabilmente sì.
Innanzi tutto occorre aver ben chiara la globalità del problema da esporre: il “cosa”, “a chi”, “quando”, stabilendo una gerarchia della comunicazione. Senza stucchevoli premesse, si entri subito nel cuore del problema, da esporre entro i primi due paragrafi, con frasi abbastanza brevi e strutturate in modo semplice: una principale ed una subordinata, per esempio, contenute in circa 30 parole, ben scandite da una punteggiatura sobria, ma efficace. Lasciamo ad altri generi il ricorso a costruzioni elaborate, con catene di subordinate ed incisi che finiscono col far perdere il lettore. Noi dobbiamo informare, in modo corretto, ma senza far letteratura.
modello_3.jpgGioca un ruolo importantissimo la disposizione grafica dei nostri testi:
  • inserire titolini;
  • raggruppare i pensieri in paragrafi di qualche riga, evitando il punto e a capo alla fine di ogni periodo;
  • introdurre uno spazio aggiuntivo alla fine di ciascun paragrafo;
  • fare uso degli elenchi puntati o numerati per esprimere una scansione di azioni;
  • conferire uno stile che caratterizzi nelle nostre pagine web in modo uniforme le varie parti della comunicazione;
  • fare un uso estremamente parsimonioso del neretto, ad esempio non più di due volte per pagina;
  • ricorrere a “boxini” o “strilli” quando di desidera evidenziare un intero blocchetto;
  • inserire nel corpo della comunicazione fotografie o disegni di formato medio-piccolo nel caso di brani particolarmente lunghi ed impegnativi: deve risultare in ogni modo chiaro che il testo “prevale” sull’immagine.

Il testo è per tutti

Talvolta si è portati a credere che l’accessibilità si risolva in un insieme di regole per far comprendere lo scritto anche per chi non può vedere. Si tratta piuttosto di un tocco di sensibilità nei riguardi di tutti i lettori, perché aiuta ciascuno di noi nell’intelligenza del testo, sia colui che ha la fortuna di veder bene senza nessun ausilio, sia gli ipovedenti o i non vedenti.
Le prime attenzioni vanno riservate al tipo di caratteri, alla loro dimensione, all’interlinea e all’allineamento. Assolutamente preferibili per il web i caratteri cosiddetti “senza grazie”, ovvero il Verdana, l’Arial, l’Helvetica, il Tahoma. La loro dimensione può essere impostata in valori assoluti (per esempio 12 punti) o in percentuale (più o meno attorno al 100%). L’interlinea sarà sempre superiore ad uno (o al 100%), in genere attorno ad 1,3 o al 130%. L’allineamento del testo sempre a sinistra, senza rientri della prima riga. I titoli e le firme si possono anche collocare sul mezzo, non esistono regole fisse.
modello_4.jpgLe lettere accentate siano per davvero lettere con l’accento e non con l’apostrofo. La à non è la a’, come la è non è la e’. Anche la È non si rende con E’, bensì ricorrendo ai caratteri nascosti, che si visualizzano con la combinazione dei tasti Alt + una cifra digitata sulla tastierina numerica di destra, oppure aprendo l’utilità “Mappa dei caratteri”.